Facebook Deals: istruzioni per l’uso

02/18/2011

Tra una presentazione e l’altra per lavoro mi capita di scrivere anche per il blog di Ambito5, agenzia che mi ha adottato. Invece che chiamare un addetto alle pulizie per tener lontana la polvere, i post che stanno di là verranno pubblicati anche di qua. Il post originale lo trovate placidamente accomodato su queste pagine

Che il 2011 sia l’anno della geolocalizzazione non lo scopriamo certo noi. Viste le premesse di questi ultimi mesi siamo convinti che l’accoppiata mobile+local sia destinata a farla da padrona, con Foursquare in testa e tutti gli altri player ad inseguire.

Facebook dal canto suo non resta a guardare, anche se la posizione di leader dei social network sembra non dargli quel vantaggio competitivo che forse tutti (ma non proprio) si aspettavano. Il lancio dei Deals punta proprio a colmare quel gap, per non dire burrone, che ancora separa Places da Foursquare. Da poco arrivati in Italia, anche noi abbiamo cercato di capirne di più per non farci cogliere impreparati: ecco quanto siamo riusciti a raccogliere.

I passi per attivare un Deal sono relativamente semplici: essere il proprietario di un luogo e averlo dimostrato a Facebook è il primo. Poi nella parte di amministrazione è possibile creare l’offerta che si preferisce tra le quattro che ci sono a disposizione:

- Offerte individuali: si sbloccano al primo check-in e permettono di usufruire dell’offerta indicata, utili per chi vuole promuovere il lancio di un nuovo prodotto o attrarre nuovi clienti.

- Offerte fedeltà: hanno l’obiettivo di invogliare i clienti a tornare nel negozio, infatti si sbloccano solamente dopo aver effettuato un certo numero di check-in.

-  Offerte amici: utili per quei luoghi che, come ristoranti o discoteche, solitamente vengono frequentati da gruppi di persone. Queste offerte si sbloccano solo se si presentano contemporaneamente un certo numero di amici.

-  Offerte di beneficenza: invece che “regalare” qualcosa ai clienti i proprietari si impegnano a versare una determinata somma di denaro, il cui ammontare dipende dal numero di check-in effettuati, in beneficenza.

Lato clienti le potenzialità di questo strumento sono enormi: accedendo a Facebook Places dal proprio smartphone si ha la possibilità di identificare i Deals grazie ad un quadratino giallo (o verde, nel caso della beneficenza) a lato dei luoghi che offrono delle promozioni. L’integrazione poi nello stream delle notizie abilita quell’effetto virale a cui tutti puntano.

Lato azienda i vantaggi sono ancora tutti da definire e analizzare, siamo convinti che sia solo l’inizio di un nuovo modo di fare pubblicità in controtendenza con i trend attuali. In attesa di avere anche noi tra le mani la possibilità di studiare meglio i Deals qualche idea per il futuro ce la siamo già fatta, stay tuned ;)

1 Comment