Avatar

by deadmanwriting on 02/22/2010

Dopo mesi e mesi son riuscito finalmente a trovare un sabato sera in cui andarmi a vedere sto benedetto film in 3D e in sala Energia a Melzo. Mai film fu più sudato, neanche l’Episodio III di Guerre Stellari o l’ultimo de Il Signore degli Anelli per intenderci. Che dire? Fotografia eccezionale, effetti speciali pure, la storia invece è un po’ prevedibile, quasi scontata, anche se la durata del film non si fa sentire. Probabilmente visto in 2D e non in 3D risulta un film assolutamente nella norma. Diciamo che ha posto le basi per lo sviluppo di questo tipo di film, ecco.

E comunque la storia di base (ma proprio base base base) è uguale a quella di Fern Gully. Ecco, l’ho detto.

  • http://twitter.com/signaleleven Michael

    Si, e' un po' tardino per dare la tua opinione :D

    Cmq la storia e' Pocahontas.

  • http://www.deadmanwriting.com deadmanwriting

    Beh paradossalmente c'è più probabilità che la gente lo legga ora piuttosto che un mese fa quando si faceva hide indiscriminato su qualsiasi cosa riguardante Avatar :)

  • http://twitter.com/kirdan Cirdan il Timoniere

    E' “Balla coi lupi” + “Un uomo chiamato cavallo”. Emozionante per il ritmo e il 3D, la storia è di una banalità sconcertante. E' come una storia di sesso che dura una sola notte.

  • http://www.deadmanwriting.com deadmanwriting

    quello che dicevo, bello il 3D, bella la fotografia, storia bella ma scontata

  • zidagar

    A me è piaciuto assai sto film.
    Ho scritto anche un articoletto sulla realizzazione del film: http://zidalife.spyro.it/?p=219

  • zidagar

    OK, la storia puzza di già visto, ma è tutto sommato leggermente differente dal solito come ambientazione. Ci sono anche principi molto carini nella trama che non andrebbero trascurati…ma comunque spesso presenti in altri film/animazioni/cartoons.
    Insomma, fanno la figata più che altro il 3D e gli effetti speciali.

  • http://www.deadmanwriting.com deadmanwriting

    Il fatto è questo. Senza 3D secondo me perde il 75% dell'appeal…

  • http://twitter.com/signaleleven Michael

    Quella che tu chiami banalità io la chiamo “semplicità”.
    Calcola che hai speso 500 milioni di dollari. Quello che hai fatto deve piacere a TUTTI. Non agli americani, non agli europei, non ai giapponesi, non ai brasiliani, non agli australiani. A TUTTI!
    Per cui la semplicità, il far leva su concetti semplici e condivisi da tutti, diventa di importanza fondamentale.

  • zidagar

    È stato girato per essere visto in 3D…quindi, come dici tu, è proprio quello che attira (e devo dire che è fatto anche molto bene).

  • http://www.deadmanwriting.com deadmanwriting

    io banalità la intendo come un qualcosa di visto, rivisto e stravisto. Dopotutto non ti lascia nulla di nuovo sto film, quindi da questo punto di vista è banale.

    I concetti espressi dopotutto non sono neanche così semplici…

  • http://twitter.com/ugaciaka ugaciaka

    anche io mi ricordavo di ferngully…infatti per questo e per quello che hai scritto tu non sono andato a vederlo

    meglio il remake di nightmare on a elm street a questo punto