Quel Fantastico Calcio All’Inglese

by deadmanwriting on 01/20/2010

Stavo guardando i recuperi di Serie A quando improvvisamente mi son chiesto perchè hanno tolto quella bellissima opzione di potersi guardare le partite coi rumori dello stadio e senza doversi sorbire le cazzate che dicono i telecronisti. Ecco così mi sarei evitato di sentire Massimo Mauro tirare in ballo improbabili – e inesistenti – cavilli del regolamento (lo sbilanciamento dell’asse di rotazione terrestre, l’eruzione dell’Etna, una cometa in avvicinamento verso la Terra ed una strana quanto improvvisa erezione che ha provocato lo spostamento del braccio verso il pallone) per far annullare un gol di Barreto e mi sarei evitato di sentire per l’ennesima volta la solita frase “eh, questo arbitro non sta seguendo molto la direttiva europea di far giocare di più”. Ora, mettiamo in chiaro una cosa. Se le due squadre entrano in campo con l’idea di prendersi a calci invece che giocare a calcio come cazzo puoi pretendere che un arbitro lasci giocare come piacerebbe a te?! Incominciate a spiegare ai giocatori come si gioca e a sopportare i contrasti “all’inglese”, a non buttarsi a terra quando uno gli scoreggia addosso, a non far scenate inutili quando ricevono un pizzicotto, a non protestare perchè il cielo è troppo blu e allora vedrete che le cose cambieranno. Fino a quel momento non si potranno pretendere cambiamenti epocali, il cambiamento deve essere bilaterale, da una parte gli arbitri, e questo mi pare stia avvenendo, dall’altra i giocatori, e qui mi spiace ma c’è ancora parecchio da lavorare…