Day 17 – Primo articolo..

by dead.Marco on 05/2/2008

Questi sono i fatti, non state sognando!…finalmente ho deciso di scrivere il mio primo articolo. Vi anticipo che in queste poche righe non parlerò del nostro viaggio in Inghilterra, e vi spiego subito il perchè: i motivi principali sono due, il primo perchè questo ormai è un diritto acquisito sul campo da Michele, il secondo invece perchè non voglio che lo ZazzA si offenda se poi inizio a raccontare come stanno veramente le cose qui :D (…cercate di capirmi, si cerca di sopravvivere.. Abbiamo ancora un pò di mesi da passare insieme :) ..)! Quindi parlando di informazione e di distorsione dei fatti voglio pubblicare un filmato che mostra l’intervento di un noto giornalista, Marco Travaglio, ad una manifestazione per il 25 aprile…senza aggiungere altro lascio a voi la visione e i commenti.

Per concludere voglio fare qualche ringraziamento. Vorrei ringraziare tutti quelli che ci seguono dall’Italia, vorrei ringraziare Alessandra e la mia famiglia per avermi sostenuto (..e anche foraggiato), poi vorrei ringraziare il Pecio, per tutti i consigli dati e per tenermi sempre aggiornato sulla situazione a Piacenza ( forza EL CORAZON..non dovete mollare), e tutti i miei amici perchè se sono qui è anche per merito loro! Mi mancate tutti!

Ho un’ultima persona da ringraziare…il mitico ZazzA…grazie perchè senza di te chissà dove sarei in questo momento (…forse in Sudafrica :D ), grazie perchè con questo blog permetti a tutti di seguire quello che succede a questi due poveri italiani oltre Manica, e grazie soprattutto per essere un amico!!

Bene è ora di lasciarvi…sperando che abbiate gradito il contributo. A presto…

Marco

  • Piz

    c’è una prima volta per tutti :D…In bocca al lupo anche a te per questa avventura… :)

    Piz

  • Piz

    c’è una prima volta per tutti :D…In bocca al lupo anche a te per questa avventura… :)

    Piz

  • Alepanda

    sono ancora commossa per tutti i ringraziamenti…Spel ma da quello che hai detto sembrerebbe la prima e l’ultima volta che scrivi sul blog!!!!!!!!

  • Alepanda

    sono ancora commossa per tutti i ringraziamenti…Spel ma da quello che hai detto sembrerebbe la prima e l’ultima volta che scrivi sul blog!!!!!!!!

  • ale

    Ciao Marcone,
    sai che sono un rompicoglioni e mettendo Travaglio, mi giochi la palla al balzo. Posso sinceramente dirti che sono parecchio d’accordo su alcune cose (basta condannati in parlamento, basta finanziamenti in giornali, scandalo Europa7 e Rete4, ecc…), ma vorrei delucidare alcune cose, perchè Travaglio ha detto qualche cavolata.
    - la storia della pubblicità è una cavolata, perchè non è colpa delle televisioni o del sistema televisivo se non c’è pubblicità, ma è che i giornali sono poco incisivi e fanno bassi numeri, quindi le aziende non li fanno volontariamente. Aggiungere o togliere televisioni non cambierebbe niente e la dimostrazione è stata che in un anno la televisione ha perso circa 2 milioni di spettatori, ma gli investimenti in tele non sono cambiati.
    - Travaglio è un ipocrità perchè lavora per l’Unità che è mantenuta dai finanziamenti ottenuti dallo stato e dai finanziamenti che ottiene dai partiti di sinistra e poi và in piazza a parlare di finanziamenti, di giornalisti che leccano, ecc… L’Unità, l’unica volta che si è trovata senza finanziamenti statali è fallita (all’epoca ci lavorava mio padre quindi sono abbastanza certo su quello che dico).
    - la storia che sia la Gasparri a modificare il sistema televisivo è una distorsione. In realtà già negli anni 70 le televisioni furono distribuite ai partiti televisivi. RaiUno fu data alla DC, RaiDue al PSI e RaiTre al PCI. La Gasparri ha solamente rafforzato questo sistema già distorto. Quando poi racconta che negli altri paesi esistono limiti alle televisioni è una cazzata colossale. Murdock (quello della Fox), tra America e Australia, possiede più di una ventina di canali televisivi gestiti direttamente, senza contare quelli dati in concessione (SKy in Italia per esempio).
    Per il resto condivido la mediocrità dei nostri sistemi media, basati soprattutto su programmi poco interessanti e faziosi. Ma sono altrettanto convinto che le cose stiano cambiando, basta pensare che gli unici programmi televisivi che sono in crescita di ascoltatori sono quelli culturali e quelli di approfondimento sociale. Speriamo Bene.
    Cmq in bocca al lupo per tutto.
    Complimenti per tutto quello che stai facendo.
    Ti ammiro davvero.
    Ciao
    Ciao

  • ale

    Ciao Marcone,
    sai che sono un rompicoglioni e mettendo Travaglio, mi giochi la palla al balzo. Posso sinceramente dirti che sono parecchio d’accordo su alcune cose (basta condannati in parlamento, basta finanziamenti in giornali, scandalo Europa7 e Rete4, ecc…), ma vorrei delucidare alcune cose, perchè Travaglio ha detto qualche cavolata.
    - la storia della pubblicità è una cavolata, perchè non è colpa delle televisioni o del sistema televisivo se non c’è pubblicità, ma è che i giornali sono poco incisivi e fanno bassi numeri, quindi le aziende non li fanno volontariamente. Aggiungere o togliere televisioni non cambierebbe niente e la dimostrazione è stata che in un anno la televisione ha perso circa 2 milioni di spettatori, ma gli investimenti in tele non sono cambiati.
    - Travaglio è un ipocrità perchè lavora per l’Unità che è mantenuta dai finanziamenti ottenuti dallo stato e dai finanziamenti che ottiene dai partiti di sinistra e poi và in piazza a parlare di finanziamenti, di giornalisti che leccano, ecc… L’Unità, l’unica volta che si è trovata senza finanziamenti statali è fallita (all’epoca ci lavorava mio padre quindi sono abbastanza certo su quello che dico).
    - la storia che sia la Gasparri a modificare il sistema televisivo è una distorsione. In realtà già negli anni 70 le televisioni furono distribuite ai partiti televisivi. RaiUno fu data alla DC, RaiDue al PSI e RaiTre al PCI. La Gasparri ha solamente rafforzato questo sistema già distorto. Quando poi racconta che negli altri paesi esistono limiti alle televisioni è una cazzata colossale. Murdock (quello della Fox), tra America e Australia, possiede più di una ventina di canali televisivi gestiti direttamente, senza contare quelli dati in concessione (SKy in Italia per esempio).
    Per il resto condivido la mediocrità dei nostri sistemi media, basati soprattutto su programmi poco interessanti e faziosi. Ma sono altrettanto convinto che le cose stiano cambiando, basta pensare che gli unici programmi televisivi che sono in crescita di ascoltatori sono quelli culturali e quelli di approfondimento sociale. Speriamo Bene.
    Cmq in bocca al lupo per tutto.
    Complimenti per tutto quello che stai facendo.
    Ti ammiro davvero.
    Ciao
    Ciao